franciscogarden.com

Once upon a time

“La rappresentazione della realtà in once upon a time si serve del simbolismo esoterico dove le figure di animali acquistano particolare, come il corvo che nella religione celtica era raffigurato in compagnia di Odino e rappresentava l’augurio di guerre o di morte; il gatto che nell’antico Egitto era venerato perchè a guardia del mondo impedendo al serpente di distruggerlo. Il poeta non deve descrivere la realtà, ma coglie e trasmette le impressioni più vaghe e indefinite, suggerisce emozioni e stati d’animo, penetra l’intima essenza delle cose, scriveva Baudelaire in una sorte di manifesto del simbolismo, che in pittura Francisco interpreta nel suo vero senso, il pittore si fa tale mediante un lungo e immenso disordine di tutti i sensi. E se i sensi si trovano in questo grande groviglio di disordine non ci può essere razionalità che li organizza e li domina. Il percorso artistico di Francisco  è costellato da infinitesimi attimi che colgono la realtà nelle sue diverse manifestazioni come tanti fotogrammi che compongono la pellicola. Pertanto passiamo da una sezione ad un’altra come se percorressimo una lunga autostrada ai cui lati si snodano paesaggi sempre diversi e inaspettati.”

Mario Bosco storico e filosofo

 

 

 

Opere di Francisco Garden


 

Contatore

>